accedi   |   crea nuovo account

Sister Act o l'essenza del vuoto

Come sorella delle mie splendenti attitudini
e
paradossale ombra dei miei giorni grigi

mi sei venuta incontro con un sorriso svitante

"Tieni
mi hai detto

quello che hai perso ieri oggi te lo rendo"

guardai la sua mano tesa
notando pure la bellezza delle sue mani affusolate

ma era vuota come l'essenza dei miei domani

Appena
ebbi indossato quel vuoto

come una mia seconda pelle

ritrovai gaudio passo e gioco d'infinito

Vidi la mia vita come un traballante ponte di legno sospeso nel nulla

atto ad attraversare l'ancorata marra dei miei sogni ed il mare dei miei genuflessi fantasmi

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 19/01/2015 11:21
    Veramente molto piaciuta ed apprezzata questa tua eccezionale!
  • Rocco Michele LETTINI il 19/01/2015 07:40
    Un poetar per indurre a meditare... è un ieri amaro, un oggi che parzialmente ripara ed un futuro... che sa d'interrogativo... STRAORDINARIO VINCÈ - FELICE SETTIMANA
  • andrea il 19/01/2015 06:43
    anche il vuoto ha un'essenza tra sogni e fantasmi, il domani poi può non avere nessuna essenza ma noi come possiamo saperlo? ai posteri l'ardua sentenza. saluti

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0