accedi   |   crea nuovo account

L'albero dei sogni

Nel cortile stanno i bimbi
irrequieti e birichini,
in disparte una bambina
sotto un albero incantato.

Fissa il limpido cielo azzurro
ricamato di bianche nuvole
assorta e compiaciuta
in quel mondo fatato.

È domenica e nel lungomare
passeggia con la mamma
un gelato nella mano
un sorriso sulle labbra.

Le scarpette celesti
nei piedi calzano perfette
col suo vestitino di tulle
si sente una principessa.

Guarda il cielo e un gabbiano
la saluta con le sue ali...
è tutto ciò che lei sognava
essere una bimba molto amata.

Un fischietto all'improvviso
la distoglie dal suo sogno
una nuvola grigia avvolge il cuore
il suo sguardo si rattrista.

Non è domenica ed è sola
sotto l'albero incantato
suo rifugio, nascondiglio
nel gelido orfanotrofio.

*

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 02/03/2010 15:12
    Bellissima!!!!! Davvero... per me sono tante le emozioni che provo leggendola
  • Maria Gioia Benacquista il 03/10/2007 08:40
    Grazie a tutti per i bellissimi commenti.
    La "mia" bambina, inventata in un mio racconto (la bambina dalle scarpette celesti), per me è così reale, abita in qualche parte e aspetta fiduciosa. I bambini non perdono mai le speranze e i sogni. La tristezza è solo passeggera, sicuramente tra breve ricomincierà a sognare sotto l'albero incantato. Dal racconto ho sentito il bisogno di scriverle anche una poesia.
    Un saluto e di nuovo grazie.
  • Vladimir Zamora Licet il 03/10/2007 00:08
    Es demasiado triste, sin embargo a veces nos asaltan los fantasmas del pasado y se trocan en sueños.
  • dario spelorzi il 02/10/2007 22:49
    l'evasione, il sogno, e il ritorno ad un'amara realtà.
    brava ciao dario
  • Antonio Pani il 02/10/2007 19:07
    Particolare ed intensa. Il "cambio di direzione" dell'ultimo verso quasi spiazza, con la sua ruvidità. Molto apprezzata. Brava, a rileggersi, ciao.
  • sara rota il 02/10/2007 17:51
    Il desiderio, il sogno di una graziosa bimba che si tramuta in sofferenza, in tristezza pura... certe cose non dovrebbero mai accadere...
  • Michelangelo Cervellera il 02/10/2007 13:37
    Iniziando a leggerla vedevo questa bimba felice, poi la tristezza mi ha avvolto. Molto brava. Michelangelo
  • roberto mestrone il 02/10/2007 12:05
    La solitudine ed i sogni degli orfani: un'amara realtà che ci affligge!
    Brava Maria!
    Ro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0