PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Città d'Europa

Venezia, pur così antica,
una ragazza sei,
di pizzo costruita,
a festa sei vestita.
Mirata, ammirata,
di cielo sei ornata.
Ricca di premi
È la tua gerla,
tra nastri lucenti
porgi il volto tuo
di madreperla.
E le tue notti azzurre,
i tuoi tramonti d'oro,
non celan l'ineffabil
tua bellezza, mentre
la sera scende
e t'accarezza.
Più dell'acqua, Venezia,
alta è la Grazia!
Ma in profondità
giace la tua umanità
e l'operosa vita della
tua gente amica.
E l'uomo disse:
Facciamo una città...
A Sua immagine
Ed eternità!
Con te Roma,
bella tra le belle,
più non t'accorgi
dello spuntar di stelle
tanto sei piena di
celebrità e il mondo
ti guarda con avidità
mentre con chiome
di pino, ti spennelli
pigra, le gloriose
antichità; e affonda
la sua curiosità
imparando le radici
della civiltà, amando
la tua italianità
e la dolce lingua nostra
piena di musicalità.
E tu Parigi che, in
un giorno di sole,
tra sfavillii, odori
di viole, mentre
andando pei Quartieri
vedi nell'aria rosa

12

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/01/2015 22:27
    Vista di recente, un incanto ripensarla coi tuoi delicati versi. Una mano soave a scrivere! Su via, che sei proprio brava!
  • Rocco Michele LETTINI il 21/01/2015 08:30
    VENEZIA? LA PERENNE PRIMAVERA D'ITALIA! VERSI PIAVEVOLI VER... BUONA GIORNATA

2 commenti:

  • Chira il 21/01/2015 17:37
    Venezia, la mia Roma, Parigi e la tua Milano... una corona di fiori in versi per ognuna.
    Chiara
  • andrea il 21/01/2015 11:09
    l'ho vista circa cinquant'anni fa, mi ero ripromesso di tornarci, non è accaduto, chissà, bella poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0