accedi   |   crea nuovo account

Ricreazione

Tra una campanella di silenzi
e un'altra

tengo banco ad una assurda speranza


estrarre una voce nuova che non sia più la mia e ancor più mia

non vorrei più accompagnare i miei bambini
alla solita scuola

e
tramandare loro
nell'ora di ricreazione

della mia amata e delle sue scarpe rotte
e
della mia vita consumata per ricomprargliele nuove

 

0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 13/08/2015 17:29
    Solito stile, solita lagna di chi non sa creare nulla di nuovo.
  • andrea il 21/01/2015 11:06
    io credo che la speranza non sia mai assurda, se no che senso avrebbe?, certo non sempre funziona ma delle volte si e magari alla ricreazione avremo ben altro da dire,
  • Rocco Michele LETTINI il 21/01/2015 08:33
    L'ora della ricreazione... per alcuni una perdurante tristezza... questo lasci capire in diligenti versi... BUONA GIORNATA VINCE'

1 commenti:

  • Nicola Saracino il 21/01/2015 13:29
    Una profonda introspezione. "Tengo banco ad una assurda speranza" in una scuola dove hai voluto far prendere piede l'assurdo pur di gridare la voce nuova universale...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0