PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A mia figlia

E ricordo il tuo primo vagito

i tuoi occhi il tuo primo pianto

l'emozione stringeva il mio cuore

eri bella mio piccolo amore


poi, pian, piano parole a spezzoni

papà , mamma, mio Dio che emozioni

e la torta del tuo compleanno

coi capricci che tutti un po' fanno


che ricordo quel tuo vecchio asilo

i tuoi giochi con l'ago e col filo

ci dicevi : sai sono una sarta

e cucivi un pezzetto di carta


passò il tempo e ben presto fu scuola

lo zainetto quel groppo alla gola

l'emozione poi svanì per incanto

e sedesti felice in quel banco


muoion gli anni e ci lasciano eredi

di emozioni che tocchi e che vedi

sei cresciuta ed io invece invecchio

son felice perchè in te mi specchio


sei cresciuta e mi hai detto con vanto

sai papà quel lui m'ama tanto

poi la chiesa gli amici i parenti

le risate di gioia ed i pianti


sei cresciuta e vestita di bianco

sei una stella per me sei da incanto

suona dolce quell'Ave Maria

t'ho cresciuta ed adesso vai via


sii felice mia dolce Antonella

non è un sogno la vita ma è bella.

 

3
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 22/01/2015 19:06
    Orgoglio... in una dedica... amorevolmente lasciato...
  • cristiano comelli il 22/01/2015 17:33
    Una delle magie che il tempo sa conservare è l'amore verso i propri figli che cresce in consapevolezza a misura che questi figli si allargano alle braccia del tempo, pronti per esserne accolti e per amarlo come merita ed esserne amati come meritano.
  • VINCENZO ROCCIOLO il 22/01/2015 13:28
    Parole semplici, ma di quella semplicità che fa vedere sentimenti veri e che riesce a rendere tutto l'incanto e l'emozione di un padre che segue nel corso degli anni la crescita della propria figlia! Molto apprezzata, caro Andrea!!!
  • roberto caterina il 22/01/2015 07:48
    un bello esempio di delicato amore paterno, figli in cui rispecchiarsi e poi lasciare andare via nell'incanto di rime sottili.

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 22/01/2015 09:52
    bellissima Andrea.. una vita.. in splendidi versi...

    muoion gli anni e ci lasciano eredi

    di emozioni che tocchi e che vedi..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0