accedi   |   crea nuovo account

La lacerazione di Kurt Cobain

Vita che morde
intrisa di sadica polvere
d'un anelato Nirvana
respiro di musica che urla
come un'inappagata puttana,
chi mai sei, chitarra,
donna che mi sospinge
nel vortice ubriacante d'un sesso
che nulla più sulle lenzuola lascerà,
che scia velenosa
di massacrata identità,
o celarsi atavico di serpente,
nel deserto di un senso
che d'incompiuto nervoso sibila?
Le note guisa han di cuccioli,
cui più non mi so appassionare,
ostaggio eroinato d'un passato
che su di me non ha vegliato ma sputato.
Tra i gorgheggi di una confusa pittura,
anche lì incontravo la paura,
l'insicurezza fetida
implacabile mi andava corteggiando,
non tu verde semaforo darai Dio,
perch'io sottobraccio possa prendere,
il giorno che ho scelto per addio.
Courtney e Frances
strati di pelle venerata
che mai da me si staccheranno,
a me pensate in una nuvola di suono,
e i giorni,
vedrete, non vi graffieranno.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 24/01/2015 18:53
    UN poetar che si fa saggezza... non solo amore... Grandioso Cristino.

2 commenti:

  • cristiano comelli il 23/01/2015 20:17
    Grazie Andrea, in alcune cose, ma non in tutte, mi rivedo un po' nel grande Kurt che ora suonerà divinamente la sua chitarra in un'altra dimensione.
  • andrea il 23/01/2015 20:13
    minc... , questa è poesia, una nuvola di poesia, complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0