accedi   |   crea nuovo account

The end

Respiravo i tuoi silenzi,
mentre l'aria greve impregnava la stanza
ed i tuoi occhi, tristi, sembravano cercassero
un'altra realtà.

Ti guardavo, provando a mitigare l'emozione
e vedevo quel tuo viso scavato e
il tuo esile corpo, una volta possente,
trasparire impotente da sotto la coperta.

Ti parlavo, volevo rubarti un sorriso,
poca cosa pensai, ma sapevo di non
poterti rubare più nulla.

Mi chiedevo quanto potesse divenire
piccola la vita davanti a un così grande dolore,
guardavo i tuoi familiari,
la tua una bella famiglia, una grande famiglia,
che avrebbe dovuto spartirsi quella pena senza fine.

Ti sfiorai una mano, sentii come un brivido di freddo,
mentre i tuoi occhi continuarono a perdersi nel vuoto,
guardai il lento, monotono, gocciolare della flebo,
riguardai il tuo viso, ti rifeci un sorriso mordendomi
le labbra.

Fu solo un attimo, girasti piano il tuo capo
e con gli occhi rossi e umidi mi parve
che lo ricambiasti.

 

3
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 26/01/2015 18:05
    Un veno su lo capo tuo io pongo per questa tua eccellente.
  • Vincenzo Capitanucci il 24/01/2015 05:22
    Bellissima Andrea.. l'ultimo sguardo.. tra occhi rossi.. e mordersi il labbro..
  • Verbena il 23/01/2015 23:08
    Versi dolcissimi, delicati e profondi che sfiorano l'intimo rapporto d'un amore che sta per finire, nell'istante ultimo in cui, cercando di trattenerlo lungo, intravvedi un sorriso. Bella ed emozionante poesia.

1 commenti:

  • Gianni Spadavecchia il 25/01/2015 16:24
    Uno sguardo intenso che ci si scambia in un momento di piena debolezza emotiva;poesia totalmente delicata ma dai versi pregiatissimi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0