username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Non dimenticate mai l'orrore

Fiocchi bianchi su rotaie fredde e scure,
odore di morte penetra nella pelle,
volti scavati nascosti dietro i muri.

Gli occhi guardano senza vedere,
le gambe si muovono senza camminare,
le mani si alzano per inerzia senza forza.

Dov'è la gioia della salvezza?
Dov'è il sorriso della speranza?
Dove sono le lacrime della sofferenza?

Tutto sepolto, tutto evaporato
nel fumo che ha bruciato i corpi,
di padri, madri, figli, sorelle, fratelli.

Non più un nome, ma un numero
per ricordare chi un giorno era,
chi voleva vivere in pace e fratellanza.

Sepolcri prima della morte
hanno accolto corpi devastati,
brividi di freddo e spasmi di dolore.

Corpi denudati, privi di panni e dignità
hanno varcato la soglia della morte
per respirare l'odore della libertà.

Bambini innocenti e puri
hanno visto camici bianchi
macchiati del colore grigio scuro
della falsa scienza e della crudeltà.

Giovani ragazze hanno sopportato
sui corpi e dentro l'anima
le violenze di uomini abbrutiti
da alcool, cattiveria e prepotenza.

Salite, fratelli e sorelle sui camion
che vanno verso il sole,
lasciate le vostre righe ed i triangoli
colorati nelle mani dei becchini
e baciate chi piange nel vedere
ossa senza carne e occhi senza luce.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 25/01/2015 20:36
    per non dimenticare, non credo sia possibile dimenticare l'orrore da te così ben descritto, una bella poesia

2 commenti:

  • Alessandro il 26/01/2015 18:24
    Eppure che chi fa di tutto per dimenticarlo e farlo dimenticare.
  • olga il 25/01/2015 19:59
    Complimenti per questa bellissima poesia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0