PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sale

Le mie lacrime sono asciutte
han il peso di tante sconfitte
se proprio vuoi farmi un favore
fai silenzio prima che il mio amore
diventi rancore e possa morderti
e tu sola in un lago di sale a domandarti.
Un po' più di fiducia dovresti avere
in colui che tornando sui suoi passi
or si giudica con sguardo nuovo
mentre il ricordo tuo è polvere
pensieri ciechi e sguardi bassi
racconti in cui non mi ritrovo.
Un giorno rideremo dei nostri affanni
scie d'Amore dietro i nostri compleanni!

 

2
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Greca Cadeddu il 28/01/2015 10:08
    Un giorno rideremo dei nostri affanni... il tempo che lenisce ferite e rancori... e l'amore che sempre preserva i ricordi più belli... complimenti!
  • Rocco Michele LETTINI il 26/01/2015 20:18
    INTENSO DAL TUO ANIMO... È LA MALVAGIA QUOTIDIANITA' A DETTARTELO... FELICE SETTIMANA FABIO
  • Alessandro il 26/01/2015 18:16
    Se anche le lacrime diventano aride, si è raggiunto il fondo. Quindi è inevitabile la risalita. Dalla più nera disperazione iniziale si giunge alla speranza della chiusa. Miracoli di una relazione. Piaciuta

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0