PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Totonno

Totonno, diece anne,
è nu criaturo cu na capa tanta
e chella matina malandrina
steve sulo dinto a cucina.

O' piccirillo steve riuno,
e verenne ca nun ce steve nisciuno
cu na mossa aumma aumm
se mangnai tutto ò babbà chino é rum.

Appena fernette se alleccai pure e mane
e subito aroppe steve ca panza 'n mano,
faceva tanta riscenzielle
ca pareva na tarantella.

<<Totonno che é passato?>>
arrivai a mamma spaventata,
<<Tutto ò babbà t'è magnato?>>
verenno ò piatto pulizzato.

Dopo tre quarti d'ora e 'na camumilla,
donna Rosaria apparai ò scumpiglio,
e ò guaglione aroppe tanto dulore
se iette a cuccà n'atu pare d'ore.

<< So Totonno, tengo venti anni
e tengo ancora a capa tanta
e io, chella matina malandrina
nun m' 'a scordo chiù dinto a vita mia>>.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • antonina il 29/06/2015 06:41
    i bambini! beata innocenza. Molto bella, musicale.
  • Anonimo il 28/01/2015 11:26
    Disgrazie tipiche dei bambini che non hanno ancora esperienza. Totonno mi fa pensare al tonno o a tonto de mamma. Chissà!

2 commenti:

  • Nico Posillipo il 01/09/2015 09:44
    ahahah bella poesia, ritorno dopo tempo ed è un piacere notare che che stai continuando e che sei migliorato molto ciao salvatore saluti.
  • SalvatoreCierro il 28/01/2015 13:43
    Totonno sta per Antonio. Grazie per il commento.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0