accedi   |   crea nuovo account

Da Rimini a Rimini

Ariminum di robusta latinità imperlata,
dall'ancestral voce della valle del Marecchia
nobilmente carezzata,
conca di malatestiane seduzioni,
in gran fulgore si mutò il tuo esil mondo,
con le gesta di Pandolfo e Sigismondo.
Tra dita di roventi secoli ruggisce,
la tua fiera pugna per la cristianità,
poi che alla daga avversa all'arianesimo,
desti morbudia ospitalità.
E fu dalla tua pelle intrisa di lealtà,
che Gioacchino Murat a lanciar ebbe,
il proclama che Italia chiamava a unità.
Scintilla in cono di oscurità
il tempio di cui l'Alberti fu demiurgo,
di antichi Malatesta fasto,
l'anfiteatro e castel Sismondo,
gioielli da gustare nel profondo,
chiesa dei Servi e ville sfolgoranti,
e il tuo corpo avvolge con dolcezza di scialli,
la fontana dei quattro cavalli.
Corso d'Augusto si apre a immensità
ventaglio d'orgoglio della tua modernità,
Rimini sinfonia di ombrelloni,
e canto avvolgente di balere,
ricordo sei ora senza confini,
grazie al genio del tuo immortal Fellini.
Delizia cesellata dai manicaretti,
lasagne, spinaci e profumo di cappelletti,
e di vin bicchieri sulle labbra tese,
ch'attendono Trebbiano e Sangiovese.
Rimini Romagna non sol dei tempi miei,
mazurke, polke e note di Casadei,
scrigno in cui s'addensano baglior di sogni estivi,
che nei cuori palpitano come ricordi vivi.

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 30/01/2015 07:26
    anche se non amo per niente i militari.. ma che bel personaggio Gioacchino Murat.. ma lo troveremo quando canterai con tutta la Tua passione di Napoli... lasciando a Rimini le bellissime note di Casa-dei..
  • Rocco Michele LETTINI il 29/01/2015 18:12
    UN INVITO A RITORNARCI SEMPRE... È LA CAPITALE DELL'ESTATE MARINARESCA... SUBLIME ELEBORATO CRISTIANO.

2 commenti:

  • cristiano comelli il 29/01/2015 17:50
    Grazie infinite. È l'amore che serbo per ogni città dello stivale, orgoglio che non si può disperdere.
  • salvo ragonesi il 29/01/2015 17:49
    Miglior descrizione non potevi fare della bellissima Romagna.. Un grosso plauso. ciao. salvo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0