PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prigioniero!

Ma cosa mi sta succedendo,
apatico, schivo, svogliato,
per niente, per nulla mi offendo,
insomma son sempre incazzato.

Può darsi sia il tempo, l'età,
le cose che van come vanno,
mi par che mi manchi metà,
è l'altra metà è già in affanno.

Mi alzo che già sono stanco,
succede ogni mattina al risveglio,
in piedi, poi, sembra che arranco,
sperando più tardi sia meglio.

La vita mi scorre d'accanto,
ma par che non sia più la mia,
dov'è ch'è finito l'incanto,
quei giorni di pura, sola, poesia.

Col tempo tutto cambia ed è giusto,
o forse è soltanto apparenza,
ma ancora mi pare sia presto,
per perder dell'esistenza l'essenza.

Non so cosa mi stia accadendo,
non posso mollar così in fretta,
perciò d'ora in poi tutto prendo,
o almen quel che credo mi spetta!!!

 

3
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • vincent corbo il 30/01/2015 09:16
    Almeno quel che credo mi spetta... cosa ci spetta in realtà? Quel che ci siamo meritati o ciò che la fortuna ci concede? Una poesia gradevole, stuzzicante.
  • Rocco Michele LETTINI il 30/01/2015 07:28
    Una diagnosi della nostra terza età in straordinarie quartine mirabilmente costrutte... Eh se trovassemi la giusta terapia Andrea? FELICE GIORNATA
  • Vincenzo Capitanucci il 30/01/2015 07:09
    Sembra che siamo stati colpiti da un Virus .. Andrea.. condivido.. eppure una volta eravamo così gentili..
  • Verbena il 30/01/2015 05:23
    Conturbanti sensazioni descritte in modo profondo e sincero, e nello stupore l'occhio tuo indaga nella tua interiorità che riesce a riscoprire la luce.
    Bravo Andrea, la strada della vita, anche quando appare buia, basta guadare il cielo dove il sole splende sempre anche se le nubi non te lo fanno vedere.

2 commenti:

  • Alessandro il 30/01/2015 20:57
    Uno sprofondare angosciante, la presa di coscienza che il tempo è passato più in fretta di quanto non avremmo voluto.
  • pasquale radatti il 29/01/2015 20:42
    Rispecchia quello che mi sta accadendo in questi giorni. Mi sento giusto quello che descrivi in questo componimento. Bella poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0