username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un paradosso di Porcellana

L'aspetto che porto senza cura
è un riflesso de la tortuosa altura
sulla tua schiena nuda, dura,
su cui il battagliar era già tragedia
quando Essa della difesa s'era svestita.

E un giorno un coro dichiarerà il grigio che risiede
nel bisogno di ricever quel plauso finale
in così scandalosa
Tortura:

mi lascio andare se
La mano che ho Lasciato sull'attivatore
d'uno scarico interiore è oggi
per l'occhio tuo pianto e
Tanto arduo mi sembra non aver concetto
della sofferenza che ha portato quel Gesto
così sbagliato è reinventato sul Palcoscenico
che oggi ci pare malato
e Denutrito.

La Porcellana ha cosituito per noi la Maceria,
la più inaspettata, e mai cotanto affetto ebbi visto
su un viso distrutto, del tutto impotente dal richiedere
anche solo un dito.
Senza un timore aggiuntivo riconosciamo
quanto la Risonanza possa esser ora ampiamente amplificata,
e ogni spettacolo è una messa in onda
d'uno spazio che ci muta il contesto
ma che Mai altera l'Inadeguato.

Ove prendeva vita l'attesa della dolcezza
l'amaro in bocca era neonato prematuro
e, nonostante Egli soffrisse di vertigini,
voleva che la sua Esistenza fosse appesa
così lontana dalla consueta
altezza d'uomo
che tutto aveva trasformato
-nella morte-
di un eterno pianto.

Senza sosta la cenere l'ho bagnata
per bloccar quell'interiore Respiro che presto
provasti a bloccare anche in me.

Nessun interuttore spegne quel che non Sai
Nessun fuoco ha acceso il tuo mare,
e senza lamenti sul podio risiederà lndiscussa Sempre la Calma
Per quello ch'era, per il palato, catrame su piatto:
unica possibile conclusione se tale è la problematica

12

3
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 03/02/2015 08:33
    Sempre versi piacevolmente forgiati... Si sentiva la tua mancanza...
  • Vincenzo Capitanucci il 02/02/2015 09:06
    sei molto brava Giulia.. ho ancora in mente la Tu poesia Respiro..

    Nessun interruttore spegne quel che non Sai
    Nessun fuoco ha acceso il tuo mare,
    e senza lamenti sul podio risiederà lndiscussa Sempre la Calma

    ...


    Un'ora fa una piastrella è caduta dal muro e

    ha richiesto
    aiuto.

1 commenti:

  • Alessandro il 02/02/2015 22:50
    Fortemente intima e allo stesso tempo dai toni profetici.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0