PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il libro di onde di La Spezia

Luni primigenia stella
disegno di infantil eppur canuto mare,
i tuoi palpiti d'onde offri quieti,
dallo scintillar fiabesco
del golfo dei poeti.
Ed estasiati a decantarti
proviamo a esser anche stavolta pronti
dal troneggiante sguardo di monte Verrugoli
al morbido estendersi del borgo di Tramonti.
Dama delicata, matrona di coraggio
che a grembo avesti l'ancestrale Poggio,
Spezia che d'unghie vichinghe e saracene
fosti un tempo graffiata
roccia di cuore e sole sei rinata.
Brilla in un canto il ricordo sereno
del soggiorno ch'in te intagliò Wagner
allorchè strenna al mondo fece
del suo "Oro del reno",
Spezia carezzata dagli dei,
che porto di Sion ti fecero elezione,
quando più di mille ebrei da te partiron,
sfuggiti all'ignobil deportazione.
Qual nettare di cristiana gloria
il nostro cuore intenso beve
poi che a incunearsi va
tra i palpiti d'immortal arte
di San Venerio e nostra Signora della Neve;
passo leggero come religione
è quel che attende via del Prione,
la tua beltà guisa ha di zampillare di fontana
voce incontrastata che corre
da val di Vara fino a Lerici e Sarzana;
e poi su dorate onde si vola
verso lo scalpitar di Cinque Terre,
che nome hanno
Rio Maggiore, Corniglia
Monterosso, Vernazza e Manarola.
Ragazzo mio, se la Spezia incrocerai per via,
ti sia lume anche palazzo Lia,
ove t'attende come dolce radura
la spezzina casa di cultura
castello di San Giorgio per sognare
e passeggiata di Morin
per potersi un poco ristorare.
D'intorno soave aroma
stringendosi va a conchiglia,
del prelibato zafferano di Campiglia,
evade sovrana da una porta di cucina
la fragranza della zuppa Messcina,
e verso la gola sian anche succulenti voli,
in forma di sgabei e testaroli.

 

2
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 03/02/2015 09:11
    per mille ebrei fosti la porta di Sion.. e dalle Tue cinque terre partirono verso la loro terra promessa.. son sempre nettari d'incanti le Tue poesie Cristiano..
  • Rocco Michele LETTINI il 03/02/2015 08:40
    La città delle Cinque Terre in un poetar d'incanto...

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0