username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il vecchio bambino

Trascino le mie stanche membra
all'ombra di quel vecchio pino
nuvole in cielo adombrano
il cammino e tutt'intorno tace

è tarda primavera e quasi sembra
giorno d'estate umido un tantino
si mescolano i profumi ed è strano
guardarsi intorno respirare pace

come una tavolozza di colori
una distesa d'infinito verde
ove fan capolino variopinti fiori
finanche dove l'occhio ci si perde

qua e la sparuti alberi si vedono
mostran le foglie al mite clima atteso
rami piegati dai frutti al loro peso
si curvano lottando ma non cedono


bruca l'erba quasi indifferente
piccola mandria pecore ed agnelli
mentre riflettono al sole i loro velli
e l'eco del pastore lontan si sente


è tarda primavera verrà estate
e all'ombra di quel vecchio pino
io di stagioni tante ne ho passate
io sarò sempre li vecchio bambino.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro il 05/02/2015 14:05
    Un ossimoro concettuale che rispecchia una situazione interiore. Piaciutissima
  • Andrea Calcagnile il 04/02/2015 17:39
    Il vecchio bambino, i ricordi sempre eterni saranno e mai si dissolveranno, quel vecchio pino sarà per sempre il tuo migliore amico, bella poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0