PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A Mimmo

Truvasti jorna friddi mi ti 'ndi vai
ma u friddu veru 'ndu lassasti a nui
si strazza un pezzu i cori e patu assai
si pensu a mala sorti i l'ura toi.

Sta terra chi tantu amasti ora ti ciangi
pirchí a to ricchizza erunu i genti
è comu na chitarra senza cordi
chi surda sona ora jorna vacanti.

Eppuru a forza toi a sentu sempri
dinanzi all'occhi mei i toi 'nzignamenti
sapivi quantu fussiru 'mportanti
i rericati nostri mi imu avanti.

U sacciu chi si parru tu mi senti
e vogghiu mi ti ricu na cosa 'mportanti:
È nu ghiuttuni i feli chi non si presenti
ma simu rami toi
e in nomu toi imu avanti!

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Garganese il 07/02/2015 18:54
    Non lo conoscevo di persona, avevo avuto modo di sentire la sua musica e avevamo scambiato poche battute tramite pc, tutto sufficiente per elogiarlo per il suo stile ed apprezzare una poesia molto bella che aveva messo sotto forma di canzone. Lui, gentilissimo disse: "Hai colto degli aspetti importanti nel commento". Non ho dimenticato e la notizia mi addolora. Ciao Mimmo.
  • Anonimo il 05/02/2015 09:39
    Mimmaredu meu, gradisci sta poesia ca do me cori nasci e non mori mai!
  • frivolous b. il 05/02/2015 08:23
    ah, la forza del linguaggio universale dei sentimenti!

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0