PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pè Nciruzzo

Stanotte, m'aggio sugnat' o Patetern'
o, p'esser' cchiù precise,
ma'ggio sugnat' a Isso che te ieve cercann'
pe sott' e 'ncopp, pe tutt' 'o Paraviso
e te chiammava " Ncirooo, Nciruzzooo,
addò staie, mica sì ccarut' n'funn' o puzzo?
Embè, quanne te trovo, t'aggia arravuglià!
Po', all'intrasatta tu, si accumparuto,
cu na resella 'nfaccia e ll'uocchie intimidute!
E, cercann' e fa finta e niente,
guardave 'nterra pe nun te fa guardà!
Po, areto a ttè è accumparuta pure...
na bbella figliola, pur'essa, tutta surata.
E allora Iddio ha ritto: Né, ma tu, t'arricuorde
ch'ie t'aggio criato pe fa o mierec' ,
c'adda aiutà aggente a se sanà?
Embè, è ritt' tu, a bassa voce,
si tutt' è belli femmene do Paraviso,
veneno addu mè pe se fa, curà.. ie..
vò ricere ca faccio ch'ell'che mè ritto tu!
Al chè, praticamente tutt' e Ssante
e tutte è Ssanterelle s'hanno mise a rridere,
e ppò a bballà, e ppò a ffà ammuina,
inzomm, tutte quante hanno accumminciat'
a te festeggià, e allora pur'ie, mò
ll'augurie te voglio fa!!!

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0