accedi   |   crea nuovo account

L'Archè

- Il pleure dans mon coeur
Comme il pleut sur la ville ;
Quelle est cette langueur
Qui pénètre mon coeur? - Verlaine

Perché
come le truppe alleate
in Normandia rispetto a Parigi

non sbarchiamo
con tutte le nostre arche
nel punto più vicino al sacro petto del nostro cuore

nel plesso solare

incendiandolo

Temete forse di vedere cadere come gocce inutili di pioggia la maggior parte dei vostri pensieri in una pozzanghera fradicia di grigi prati e da tempo esausta?

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

Arché


0
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 07/02/2015 15:51
    Perchè siamo uomini Vince, siamo soltanto piccoli uomini, un salto.
  • Alessandro il 07/02/2015 14:09
    Affascinante fantasia bilingue. La chiusa è molto attuale, ci vedo uno schiaffo a chi alza la voce pur avendo nulla da dire.
  • Verbena il 07/02/2015 12:43
    Opera di intenso contenuto e parole profonde che stimolano la mente e l'anima alla meditazione. Bravo Vincenzo

1 commenti:

  • andrea il 07/02/2015 15:52
    scusa volevo scrivere un saluto,

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0