accedi   |   crea nuovo account

A Pino Daniele

Ancora son pieno
di nebbia e sogni
ricordo la tua testa da leone
la tua voce
ancor di più
l'anima tua
e non mi sembra vero

La città
una sola cosa con te
tutta la sua tristezza, e l'ironia
forse l'occulto fondo
della vita
te ne sei andato
ma in fondo eri già stanco
soffrivi in un mondo
un paradiso pieno
di diavoli disperati

E l'amasti, l'odiasti
fuggisti
come feci anch'io
ma per noi vivere altrove
è sempre esilio
Napoli è condizione umana
fango e cielo
nostalgia della bellezza
eterna impotenza

 

2
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2015 03:22
    Bellissima dedica Ciro.. a quel Pino che da sempre onora in voce i paesaggi di Napoli.. e la sua eterna impotenza.. nel risollevarsi..
  • Verbena il 07/02/2015 18:17
    Bei versi che fanno fremere di tristezza nella realtà dei contrasti particolarmente forti che si respirano nella città di Napoli: bellezza di un popolo genuino, creativo e povero, in una natura superba.

2 commenti:

  • anna marinelli il 08/02/2015 07:58
    "per noi vivere altrove
    è sempre esilio... "

    Una perdita di cui non sappiamo ancora farcene una ragione! Molto accorato questo tuo omaggio alla memoria di un Grande.
  • Chira il 07/02/2015 17:36
    Dedica bellissima per un grande artista.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0