PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La lussuria

Belzebù stavvi, a giudice s'asside,
a la spicciola 'samina e condanna;
e ne le flamme manna, chi de peccato ide.

Chi de lussuria visse e d'altro non se curò,
in tera trionfante, seppur piccatore,
lo su' pascere lieto a lungo non durò.

De li natii luoghi nula rimane,
e le fresche e liete acque ofantine,
non altro che no rimembrar sol immane.

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 08/02/2015 10:59
    Dal tuo pensare... un eccelso di sublime... FELICE DOMENICA DON
  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2015 03:13
    un bel zebù .. camminava nella savana della lussuria.. e dietro di sé° ... cancellava ... senza sapere... i suoi nativi luoghi.. ottima Don.. e nulla rimase sul sol immane..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0