username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Nudi

Non m'armo de odio, né de spregio,
de Adamo ed Eva, discendenti siam tutti,
ma lo cammino ci ha tutti divisi pe' sfregio,
ora ce ritroviam, parliam tutti, eppur siam muti;

tutte le dune, de la Savana ardente,
accumulatesi ne li secoli de li secoli,
han plasmato le diversità solamente,
facendoci trovare tutti ne li pericoli.

Solo la fede, po' facce trovà de novo
in quela unica armonia de l'uman ragione,
e credo che niun v'è che 'sto nun vo;

spogliamose dunque, anco de la pelle,
se han colori diversi e contrastanti,
poiché le anime incolori son tutte belle.

 

1
3 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 08/02/2015 15:58
    Tutti uguali eppure divisi da bazzecole. Dovremmo proprio "spogliarci" l'uno di fronte all'altro, in nome di una rinnovata fratellanza universale.
  • Rocco Michele LETTINI il 08/02/2015 11:01
    HAI ACCESO LUMINARIE DI BONTA'... ER MONNO VEDE ALTRA LUCE? IL MIO ENCOMIO DON

3 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 08/02/2015 03:18
    ritrovar quell'immutabile color del'anima.. bellissimo Don. ritrovo qui la parola savana... che avevo usato nel precedente commento..
  • Verbena il 08/02/2015 02:53
    Chiusa illuminata: - le anime incolori son tutte belle - di versi che dicono quel tutt'uno dell'umano vivere che emerge se ci spogliamo della nostra pelle, che non è soltanto la pelle fisica ma in specie quella mentale che ci vuole far sentire diversi. Concetti profondi e importanti.
  • Ellebi il 08/02/2015 01:47
    Ottima Don, specialmente a ricordarci le nostre origini, con versi così pacati e belli. Un saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0