PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te amata!

Sembrerò ridicolo, lo so!
Co' 'sto vecchio mandolino,
no filo de la mia voce,
cantar ancora a la mia bella
una serenata d'amore;
e non dico la vergogna
di farsi scendere
anche delle lacrime,
ma toccando terra
boccioli di rosa essendo,
saziano l'animo mio
e aprono il cuore tuo.

 

1
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 10/02/2015 14:19
    Un romanticismo franco, autoironico e non stucchevole. Piaciutissima!
  • Nicola Lo Conte il 09/02/2015 20:55
    Quanta dolcezza in questa tua poesia, esaltata dalla semplicità e dalla purezza dei sentimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/02/2015 15:41
    l'amore.. non ha tempo.. ed i mandolini sono sempre pronti al canto e a lacrimar note.. e rose.. saziando e aprendo cuori.. bravo Don..
  • andrea il 09/02/2015 15:30
    non si è mai ridicolo quando si tratta dell'amore e poi vuoi mettere una serenata coi mandolini...

1 commenti:

  • salvo ragonesi il 09/02/2015 14:45
    Non è mai tempo perso dedicare qualcosa alla propria bella. piaciuta ciao Don.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0