username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dategli un nome

È una notte di vento la mia
d'un giorno qualsiasi d'inverno
quando il buio m'avvolge, freddo
denso e l'animo si strige ai passi
inerti lasciati sull'asfalto.
Perde di consistenza, in questo luogo
di passaggio, l'attesa sorda della vita
nel caos confuso degli eventi.
Svaniscono certezze nelle domande
che calcano a ritroso il tempo
d'un desiderio malato di scontento.
Qualcosa torna nella tela della mente
altro sfugge dal palmo d'una mano
in un tumulto d'occasioni colte
nel tempo, e molte andate perdute:
cosa ammonisce, allora, quello che è accaduto?
Qual è la sua lezione, gridata o sussurrata
forse passata per inosservata?
E questa vita l'ho vissuta o solo immaginata?
Dov'è che mi ha condotto la fantasia
di quelle notti di veglia?
E quante volte ho varcato
l'orizzonte privo d'un fossato?
Cos'è che, in fine, devo annoverare
nel registro di ciò che sono stato:
la vita vera... la sola immaginata?
Il sogno o la realtà?
Datemi voi una plausibile risposta:
cosa sarebbe stata la mia esistenza
privata d'ogni illusione... d'ogni speranza?

 

1
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 11/02/2015 21:39
    la vita è tutto, è fatta anche dei sogni, che forse non in questa vita ma in un'altra si realizzeranno, credo che nulla vada perduto, certo anche per questo bisogna stare attenti a quello che si desidera... bella questa tua Franco, sempre sincero e vero, come ti ricordavo
  • andrea il 11/02/2015 19:04
    la risposta te la sei dato da sola scrivendo tante verità in una bellissima poesia, la vita è tutto ed il contrario di tutto, un saluto
  • Vincenzo Capitanucci il 11/02/2015 09:27
    Siamo desideri malati di scontento... e se la vita si riducesse a questo sarebbe vita?

1 commenti:

  • Sabrina C. P. il 11/02/2015 21:29
    io penso che la vita si svolga perlopiù nei pensieri che ci portano sempre lontano dal posto dove sediamo e penso che nella vita ci siano pochi attimi di pensiero superiore nei quali capimo tutto... scusa la mia interpretazione della tua bellissima poesia... continuerei fino a notte a scrivere perchè mi ha suscitato, questo testo, un sacco di ricordi e intuizioni. Un gentile saluto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0