accedi   |   crea nuovo account

Come Samurai

ostenterò, la mia katana
davanti allo specchio del mondo
la bagnerò, con la pioggia degli eventi Vitae
fra clangori, cozzar d'acciari e paludamenti antichi
lascerò balenare, la mia pugnace compagna
per allontanare il greve zendado della Notte
dalle tue paure di cristallo
difenderti, dalle ombre tempestose del tempo
combatteremo, per un sorriso e una promessa d'Amore
lotterò, per pochi spiccioli di abbracci
se lo vorrai
poggerò il ginocchio sulla nuda terra, davanti a Te
per morire
da Samurai...

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 12/02/2015 16:38
    veramente bella la figura del samurai con la katana che si inchina...
    bella poesia, saluti
  • cristiano comelli il 12/02/2015 10:40
    Descrivere le emozioni e la figura di un samurai è impresa ardua lei ci è riuscito bravo

4 commenti:

  • ignazio de michele il 13/02/2015 18:33
    Alessandro... bella questa tua riflessione... grazie
    buona serata
  • Alessandro il 13/02/2015 17:02
    Il codice del guerriero onorevole, scolpito nell'anima.
  • ignazio de michele il 13/02/2015 06:43
    grazie Andrea e buona giornata
  • ignazio de michele il 12/02/2015 16:35
    Cristiano Comelli... lieto che questa modesta stesura sia di tuo gradimento... grazie

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0