accedi   |   crea nuovo account

L'incanto di prato

Conchiglia che salsedine carezzo'
Di soavità paleolitiche
Nel grembo di galceti amabilmente nascose
E di fine cesello funerario madida
Tra le labbra dei monti della calvana
Per etrusche gemme ti ostendi
Estasi ruggente di Bisenzio
Che fender seppe e or sa la paura
Con l'intarsio nobile della tessitura.
Custodi fuori e sono
Del respiro dei tuoi spazi aperti
Le austere fortificazioni degli Alberti
Che lo spirito mantennero imma colato
Pur poi che come coltello a insinuarsi ebbe
Nel tuo cuor il sacco di prato
Religioso senso e anco arcano
Regna tra i suoni basaltici
Di san Giorgio a colonna e san fabiano
E si rivela in inviolabile candore
Il castello dell'imperatore.
Prato che dell'anima componesti i confini
Delle cromatiche seduzioni di filippo Lippi
E del tresor di brunetto latini
Fulgida urli per la piana di toscana
Quel tuo fiero manto di beltà
Che s' offre complice alla sete umana.

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 16/02/2015 15:38
    Mirabile come tutta la tua passerella...
  • Anonimo il 16/02/2015 14:20
    Mi par una lettura dantesca, esempio della cultura del tuo Io poetico. E cerco di saziare la sete umana, ma so che potrò solo bere alla tua fonte.

2 commenti:

  • Alessandro il 16/02/2015 20:56
    Sempre magistrale nel cogliere e trasmettere il meglio di ogni luogo.
  • cristiano comelli il 16/02/2015 16:38
    Grazie troppo buoni cordialità

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0