accedi   |   crea nuovo account

Un alito di vento

Mostrano i segni del tempo impietoso
le vecchie mura diroccate.

È solo nel vecchio maniero
con gli anni che gli premono addosso
curvandogli schiena e pensiero.

Seduto sul divano di muffa
scaldando le ossa al camino
ma
il freddo che ha dentro è diverso
fa male
abbarbicandosi al cuore.

Ricorda di tempi migliori
di feste nel vecchio castello
di dame d'amore truccate
di nobili agghindati da amici.

Rammenta le allegre giornate di caccia
al cervo, alla volpe, al cinghiale.

Dei tanti suoi cavalieri
prostrati
bastante uno sguardo.

Il tempo e' cangiante dei tempi
mutante di storie e di vite
d'antiche ricchezze ormai andate
perdute svaniti gli amici.

Si scalda stringendosi addosso
ma il gelo che ha dentro rimane,
fa male.

Poi fissa il suo sguardo e il pensiero a
un fiero tozzo di legno
che brucia scindendosi in cenere

e pensa:

basta un alito di vento!

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/02/2015 13:04
    Una descrizione perfetta in un poetar sublime. Bravo davvero!
  • Vincenzo Capitanucci il 18/02/2015 07:17
    Bellissima Andrea.. vestigia di un tempo che fu.. si scalda guardando un pezzo di legno.. ma il freddo permane dentro.. splendida metafora..
  • silvia leuzzi il 17/02/2015 21:37
    È un viaggio fantastico questa tua lirica. Si perlustrano ambienti e sentimenti che il gelo dei tempi odierni spegne e ingrigisce, seppelliti da polvere di ricordi. Basta un alito di vento per tornare a sentire il profumo dell'aria e a spostare la nera nuvola che grava sul nostro futuro. Poesia strutturata a verso libero di forte impatto. Bellissima ciao

3 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 18/02/2015 07:13
    Il tempo passa, s'i vecchia ma i bei ricordi (ed anche i brutti aime') restano!!! Bravo, un saluto
  • Rocco Michele LETTINI il 17/02/2015 21:12
    BELLISSIMA PER IL SUO PREGNO NOSTALGICO CHE RIPORTA AL DI' ALLEGRO CHE FU...
  • pasquale radatti il 17/02/2015 19:49
    Nostalgia dei bei tempi trascorsi... Le belle feste che si svolgevano, i migliori amori goduti, le battute di caccia fate in compagnia. Tutti ricordi che attanagliano un corpo che invecchia, che fatica a cancellare ciò che è passato. Bella poesia e complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0