PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A intermittenza

Una figura accasciata
all'ombra di un sottoscala
dopo la lotta libera
di un corpo che rimanda a un altro corpo.

Voglio sembrarti forte
più forte
mi aggrappo a pareti
che scivolano giù,
ma io non ho unghie
io urlo e mi dispero
ma non ho più voce.

È un'anestesia autoindotta
che mi entra in circolo
e mi fa sentire solo vuoto,
tanto vuoto
come le buie sere d'inverno
senza presente.

Siamo libellule
che danzano,
e cercano di spezzarsi un'ala,
due zanzare
in cerca di sangue vivo.

Penso, ma non te lo dico:
quanti modi per farsi male
e pochi per dirsi addio.

Smettere di essere debole,
distruggere il mio io-emotivo
per non sentire più nulla.

Siamo due lucciole
in un presente spento,
viaggiamo a intermittenza.

 

1
0 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 19/02/2015 18:41
    La disperazione di due anime smarrite che si infliggono dolore per non sentire più nulla. La sofferenza attuale che attraversano molti giovani e meno giovani.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0