PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Se potessi avere mille lire al mese

Se tutto fosse un poco meno grigio
nella monotonia del tutto o niente
che aleggia oggi nel cuore della gente
facendo ormai anche dell'odio un pregio.

Giammai fu soluzione più lontana
rapiti dalle onde in mare aperto
si vive sol la prima settimana
arsi di sete spersi nel deserto

È dura attesa fino al ventisette
facendo spola tra casa ed offerte
spremendo ogni centesimo di ferro
la pizzeria ormai pare uno sgarro

guardiamo avanti sperando nel futuro
e sembra strano rimpiangere il passato
non c'è più un posto di lavor sicuro
poveri figli cosa gli abbiam lasciato.

 

2
1 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/02/2015 11:01
    Una quartina di chiusa che parla egregiamente... Straordinarietà caratterizzante Andrea... FELICE GIORNATA
  • cristiano comelli il 20/02/2015 10:58
    L'occidente ha voluto delegare la sua felicità alla vil pecunia oltretutto saccheggiando indisturbato per anni il terzo mondo? Ecco il risultato occidente impoverito di valori e in qualche caso anche di soldi e terzo mondo alla canna del gas. E la paghiamo tutti con gli interessi
  • Vincenzo Capitanucci il 20/02/2015 10:38
    se potessi avere mille euro al mese.. siamo messi male.. stiamo tornando es essere serve della gleba.. in globalizzazione..

1 commenti:

  • Alessandro il 20/02/2015 22:20
    Chiusa tombale, a simboleggiare le colpe dei padri che lasciano in eredità solo cenere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0