accedi   |   crea nuovo account

Illuminazione

Neri animi rapaci
Rompono il silenzio struggente.

Luce,
Mi buca la retina
ed infine so chi sono.

Ma questo sole non scalda
La mia anima che si contorce
Ignava.
Si lacera impotente
Mentre arida si essicca
E si stacca dal mio corpo
Quasi pelle di serpente
Dismessa.

Il buco si ricuce e torno
a vedere le apparenze.

Era destino che morissi due volte.

 

3
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • silvia leuzzi il 16/03/2015 05:50
    Forti queste tue immagini, graffiano il volto e scuotono l'anima. La ricerca dell'illuminazione è propria di un artista, che nella vita va a bucare l'azzurro del cielo facendolo piangere. Molto molto apprezzata mio caro John e complimenti per le tue tre poesie tutte piaciutissime.
  • Anonimo il 25/02/2015 15:02
    Sarebbe meglio non vedere dietro le apparenze per non sentirsi male, ma è meglio usare gli occhi dove altri non sanno vedere.
    Ciao, sono mary.
  • roberto caterina il 21/02/2015 14:55
    Morire e rinascere due volte per sapere chi si è proprio come il serpente...

3 commenti:

  • antonina il 09/05/2015 16:05
    La liberazione dalla sofferenza è il percorso verso l'Illuminazione, l'Amore è senza sofferenza L'Amore è l'esperienza illuminata stessa. ma l'Illuminazione consiste nel rendere Amore ogni esperienza. Complimenti! Antonina
  • john doe il 16/03/2015 17:19
    grazie mille silvia, i tuoi commenti sono sempre ben accetti
  • cesare righi il 06/03/2015 21:02
    Hai una sola poesia, ma eccelsa. Veramente profonda e leggerla sottovoce riempie i vuoti. Complimenti
    ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0