PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Quando nacqui ero un luogo ora sono un tempo

Quando nacqui
ero un luogo

il più bello e sorridente dei luoghi

potevi venire con tutta la famiglia a far merenda sui mie prati e respirare il profumo degli oceani immensi

ora
sono un tempo

- non più un porto di universi e fiori -

immobile

di baldorie
e feste

di fuochi
finti

e
cimiteri d'ossa

 

1
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • andrea il 22/02/2015 18:46
    i tempi cambiano e purtroppo anche noi, ma non è sempre un mala caro amico. Bella poesia di riflessione...
  • Rocco Michele LETTINI il 22/02/2015 13:57
    UN MUTAR ASSURDO... CHE NESSUNO A VOLTE RIESCE A SPIEGARSI... UN VERSEGGIO UNICO VINCE'
  • Aurora il 22/02/2015 12:35
    Questa relazione tra passato e adesso, è meravigliosa.
    Solo pochi possono comprendere...

3 commenti:

  • Tore Martino il 22/02/2015 13:45
    Sembra una metafora che si può paragonare anche alla storia di questo sito una volta "ero un luogo
    il più bello e sorridente dei luoghi"

    ora

    "- non più un porto di universi e fiori -"

    Sicuramente è un bel raffronto.

    In ogni caso mi piacque -
  • Ellebi il 22/02/2015 13:17
    Brillante riflessione, e malinconica. Apprezzati questi versi che sembrano buttati giù casualmente, che invece sono ben calibrati. Un saluto.
  • Anonimo il 22/02/2015 10:10
    Interessante, originale questa evoluzione interiore... a ben pensarci mi sa che è così per tutti... geniale... ciaociao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0