username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Abbandonato

Sono qui seduto e assente
il mio cuore è sempre presente
a chi un sorriso mi porta dolcemente

In questo posto allucinante
tra questa gente sofferente
vorrei tornare a camminare nuovamente

La mia casa lì ho lasciato
dalla mia famiglia sono andato
per stare a loro vicino e non essere abbandonato

Che pensiero travolgente
che ingombra la mia mente
ora questo mio rimpianto, non vale proprio niente

Tutta la vita ho lavorato
agli altri mi sono sempre dedicato
e il pane, nella mia casa, non è mai mancato

Sono qui seduto è attendo
dentro di me qualcosa sta succedendo
sento, mio corpo che mi sta ormai mentendo

Nella testa, quel ragazzo riccioluto
che nella vita aveva sempre creduto
è il suo credo è poi avvenuto

Colpito è già da una cruda realtà
che diverso dagli altri lo farà
è per lui un futuro, si pensa che non ci sarà

Abbandonato l'amato Paese
portato ha con sé cose, senza pretese
quel tanto per affrontare le prime spese

Cercato ha l'agognata fortuna
in una città che si riveli opportuna
poi, arrivato al mare, questo, gli portò fortuna

Lavoro prese e lavoro fece
e con le mani sporche di pece
la nefasta profezia, su di lui, disfece

Per l'amata sua, ancor oggi, stravede
la portò sull'altare con un atto di fede
per amore, lei due biondi figli, gli diede

Affrontarono la vita con coraggio
insieme realizzarono un adeguato alloggio
lei poi morì a metà di un mese di Maggio

Ogni anno ritornava
nel Paese che da sempre amava
ricordava la sua vita e mesto la ripensava

Ogni cosa è stata fatta
la famiglia si è disfatta
i piccini son cresciuti e altra hanno rifatta

Tutti i giorni su questa sedia sono portato
e la mia vita, da tempo, ho ricordato
in questo luogo sono stato abbandonato

 

2
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 23/02/2015 15:22
    Ti dirò, non è facile produrre terzine rimate senza forzarne la scorrevolezza e il senso, ma tu ci sei riuscito.

2 commenti:

  • Breus il 26/02/2015 08:42
    Graie per Vostri commenti e recensioni
  • Sabrina C. P. il 22/02/2015 21:36
    versi sinceri e buoni...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0