accedi   |   crea nuovo account

Nuvole

sdraiate
dietro il monte di Portofino
sul filo del Mare, aspettano
le nuvole
cariche d'acqua tumultuosa e saette
sembrano di piombo
i pescatori, muovono appena le labbra per dire
giri di Ave Maria che riempiono la Chiesa
paure e speranze
si rovesciano, sulla spiaggia di Pegli
secchiate di foschia e grida di gabbiani
dicono della tempesta e le sue gocce come pietre
piegano, la schiena ingobbita
gozzi e ombrelloni dei Bagni Ginetta
adesso che piove...

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 23/02/2015 15:24
    Un paesaggio marittimo ma non certo solare, dove la tempesta incombe, così come le incertezze.

3 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0