PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Macro ordine

Direi
Risuonano ancora i "trasumanar"
Per riprendersi il passato
Con le sue miserie rivoluzionarie
Lontanissime

Ma
Non importa quel che avrebbe potuto
Essere
Conta - questo sì - rimanere
Attaccati e attenti
Adesivi
Come idee non buone
Che durano nel nuovo

Non importa crescere
Il disordine aiuta
A capire
Un macroordine che dal lago
Va verso la riva
E si arresta
Improvviso
Nella gioia trovata
Pietra solitaria della creazione.

 

1
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/02/2015 10:34
    Faccio mio quello di Alessandro, aggiungendo un plauso ben meritato.
  • Rocco Michele LETTINI il 23/02/2015 10:29
    L'ultima strofa un corredo riflessivo da recepire... Fantastica... Serena settimana Roberto.

1 commenti:

  • Alessandro il 23/02/2015 15:14
    L'ordine impalpabile nel disordine, concetti filosofici ed esistenziali abbastanza profondi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0