username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Futti, futti cu Signuri pirduna a tutti!

Lo vide li al mercato
girava tra la gente
sembrava un po' intontito
non molto intelligente

ma era ben vestito
pareva fosse un nobile
insomma un buon partito
per il suo agire ignobile.

Gli andò vicino e disse:
mio nobile signore
vorrei che lei vedesse
quant'è grande il mio cuore

la vede sta gallina
davvero è un gran tesoro
tranquilla ogni mattina
depone un uovo d'oro.

Lo so lei può pensare
che sono tutto matto
giammai la dovrei dare
ma casa ne ho altre quattro

vedrà ch'è un buon affare
ed avrà presto un tesoro
non resti più a pensare
un uovo al giorno d'oro.

Sornione allora il nobile
gli disse non è male
quant'è che è il pagabile
per avere l'animale

il furbo contadino
gli chiese tre denari
lo so ch'è pochino
non son uomo d'affari.

Il nobile : non male
gli porse il suo dovuto
si prese l'animale
sparì dopo un minuto.

Felice il contadino
pensò era stato forte
ne viene di buon vino
ed arrivo dall'oste

mostrandogli il denaro
gli chiese quanto vino
e l'oste: vai via o sparo
è falso gran cretino.

 

1
0 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 24/02/2015 10:50
    Ripeto il tuo è un bel poetare davvero, lascia la carne e dedicati alla nobile arte delle Patrie lettere, vedo che ne hai la stoffa.
  • Rocco Michele LETTINI il 23/02/2015 16:55
    Sotto le sembianze di sentite quartine... un racconto che si fa realtà quotidiana...
  • Alessandro il 23/02/2015 15:15
    Una piccola parabola con una sua lezione, in toni leggeri.

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0