PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sentieri increspati

Vorrei fuggire
increspare deserti
sotto i miei piedi
senza lasciare ombre

Come una falena
che anela
all'abbagliante luce
ma non trova la via
urta si ferisce
incapace di smettere

Si infrangono
sotto il pressante divenire
i miei imeni
Sangue, dolore

vorrei urlare
ma rimango in silenzio
Vorrei scuotermi, colpirmi
ma rimango inerme.

Il mio pianto è fango
fango sulle mie ferite
doloranti e purulente

Il mio braccio è teso
l'indice al cielo
sommessa imprecazione
per una preghiera mai ricevuta

non smetterà mai di piovere...

 

1
0 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Alessandro il 25/02/2015 13:35
    Cruda e disperata, tratteggia efficacemente il peso della nostra solitudine, la nostra guerra spirituale.
  • Rocco Michele LETTINI il 25/02/2015 06:40
    NON SMETTERA' MAI DI PIOVERE... NON PENSANDO AL DIVINO... NON GUARDANDO IL DIVINO... NON SCRUTANDO IL SUO IMMENSO CREATO... LIETA GIORNATA GIUSEPPE..

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0