accedi   |   crea nuovo account

A Venezia

Venezia pur antica
sempre giovane appari,
come a non far fatica;
sei amata senza pari,
in specie sotto i fari.
I popoli del mondo,
nel grande girotondo
di viaggiatori vari.
Bella ti mostri e impari
ogni dì a far rubrica,
della tua gente amica.
A festa sei vestita,
tutta pizzi costruita,
sembri fatta in mollica;
anche di cielo ornata.
Ricchi premi in tua gerla,
volto di madreperla;
dal mondo sei onorata
e sempre visitata.
E le tue notti azzurre,
posson gli amanti indurre,
nei tuoi tramonti d'oro,
ad averti per loro
ineffabil dimora
di speciale bellezza;
mentre la sera scende,
ogni lume s'accende
e il cielo t'accarezza.
Alita dolce brezza,
su di te che sei magica;
da tradizione atavica,
di sposi innamorati,
in viaggio spensierati,
da te che sei magnifica
e da sempre ospitale.
Più dell'acqua Venezia,
alta è invero la Grazia.
Molto in profondità,
sta la tua umanità
a cui si potrà addurre:
gondole da condurre,
ed il tuo artigianato,
prezioso e colorato,
per gente da sedurre.

La gente tua pudica,
non ama sotto i fari;
vuol solo che si dica:
"Siam bravi gondolari".

 

0
6 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 28/02/2015 13:35
    LIETO WEEKEND VER... IL MIO ELOGIO PER I TUOI MIRABILI LAVORI LETTERARI...
  • Anonimo il 28/02/2015 13:09
    La magia che Venezia trasmette, fa vivere intense emozioni, che rimarranno sempre vive nel tempo e nel cuore di chi ha assaporato lo scenario meraviglioso offerto dalla città, poeticamente elogiata dall'autrice. Piaciuta molto!

6 commenti:

  • Fabio Mancini il 02/03/2015 12:41
    Apprezzo il contenuto delle tue poesie, norché la forma in versi. Un sorriso gentile, Fabio.
  • Verbena il 28/02/2015 15:03
    Ho l'onore di comunicare che questa mia poesia ha meritato il Premio Speciale della Giuria - Concorso Città di Venezia 2001
  • Verbena il 28/02/2015 14:59
    Ciao Maria Teresa, per fari intendo i riflettori dei vari festival cinematografici. Noterai in alcuni versi l'accenno alle manifestazioni internazionali. Gondolari l'ho inventato proprio per una personalissima rima. Grazie comunque per l'attenzione.
  • mariateresa morry il 28/02/2015 14:47
    Da veneziana guardo con simpatia chi cerca sempre di dare la propria visione immaginaria di Venezia, città che invero è lontana da ogni coun sentire e anche a viverci essa ti meraviglia sempre. Nella tua poesia debbo fare solo due appuntini: a venezia non esistono " fari" ma fanali sulle vie e non si dice "gondolari", ma gondolieri. Perdono ovviamente la licenza poetica
  • Verbena il 28/02/2015 13:37
    Grazie, desidero che sentiate tutta la gioia e la gratitudine che mi danno i vostri meravigliosi commenti.
  • Rocco Michele LETTINI il 28/02/2015 13:34
    L'incanto veneziano nel tuo fantastico verseggio... Due perle che illuminano... la città e la tua poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0