PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Joumana

Il giorno
che ci siamo conosciuti
il sole barattava
gocce di sole con profumi d'amore

le nostre bocche
ai nostri corpi
svelate
erano divenute alveari di sorrisi

- le api non fanno differenza tra i fiori dell'uno e quelli dell'altro -

eravamo tornati ad essere bambini nei giardini di Allah

fu quella
la prima volta
mentre il vento raccoglieva per noi datteri umani dal deserto

che ti chiamai Haddad

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

pensavo all'8 marzo e alla festa della donna.. e come non rendere omaggio.. a Joumana..


4
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 03/03/2015 07:35
    Amori nel deserto e nello stupore delle Mille e una notte... Ma sei sicuro che le api non fanno differenza tra i fiori? Sì deve essere senza altro così e, a volte, non sempre, il miele "mille fiori" è il migliore...
  • Rocco Michele LETTINI il 03/03/2015 07:13
    Perle d'amore che luccicano i tuoi sentimenti... Straordinarietà tanta Vincè...

1 commenti:

  • cesare righi il 03/03/2015 21:09
    Che bella donna. Ma come fai a conoscere tutti. Genio o demone?
    Genio.. genio...
    nella magia del 7... può dire ti amo in sette modi. Non dirmi che il tuo miele è del suo fiore.?
    Ciao vincenzo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0