PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ma non senti

Grido ma non senti
Ti supplico di smetterla
ma non senti
Mi piego sotto i tuoi colpi
Ma non senti il mio dolore
I tuoi occhi che ricordavo brillare d'amore
Sono accecati dall'ira
e son senza colore
Le tue mani
una volta gentili
ora irrompono violente sul mio corpo.
Dicevi di amarmi
Ma l'amore si veste d'Odio
La tua voce inumana
sputava parole
colpendomi lo stomaco.
Poi mi lasciasti sola
china su me stessa
con le braccia a coprire la mia nuca
Lacrime sgorgono
impetuose dai miei occhi
bagnando le ginocchia piegate verso il viso

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 04/03/2015 20:27
    Versi pregni di quell'angoscia piena di scandalo per una realtà di una inimmaginabile cattiveria e sopruso. Prego e spero che si spalanchi il sole sulla tua vita; forse bisogna andare oltre il monte. Un abbraccio.

2 commenti:

  • Alessandro il 04/03/2015 21:06
    Falsità, odio, ipocrisia, i mali assordanti del mondo contemporaneo.
  • Chira il 04/03/2015 10:26
    ... accecati sanno solo colpire... fuggiamo da certi individui prima della fine... I tuoi convincenti e bei versi portano le grida di troppe donne. Ciao!
    Chiara

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0