accedi   |   crea nuovo account

È questa la guerra

Mi hanno insegnato
che altrove ho un fratello
mi sono affannato
per ritrovarlo.
Ho scavalcato
impervie montagne
mi è apparso davanti
in braccio un fucile
ostaggio dell'odio
del viver o morire.
Gli ordini eseguo
così lui mi ha detto
per me sei il nemico
me l'hanno insegnato.
Rimane una croce
anonima e spoglia
fratello mi hai tolto
il corpo non l'anima.
È questa la guerra
che affligge il pianeta
che genera mostri
violenza inaudita.
Fratello ti supplico
sotterra il fucile
e coltiva il sogno
di far germogliare
la pace nel mondo.

 

2
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 05/03/2015 11:13
    Superba e toccante per l'invito alla pace.

5 commenti:

  • salvo ragonesi il 23/05/2015 20:52
    Bello il contenuto di questa poesia. complimenti. anche per la sua musicakità. salvo
  • Alessandro il 04/03/2015 21:03
    Fratelli divisi dalla violenza, è un'immagine calzante per definire la nostra civiltà al limite della decadenza.
  • Antonia Casagrande il 04/03/2015 19:19
    Grazie Antonio del tuo suggerimento. Ne terrò conto.
  • Antonio Tanelli il 04/03/2015 17:39
    il messaggio arriva chiaro e limpido, a parer mio c'è un'unica stonatura: era preferibile usare un altro vocabolo al posto di "orgoglio". comunque complimenti.
  • Stanislao Mounlisky il 04/03/2015 13:26
    siamo discendenti di Caìno... proprio giusti non potevamo venire...
    è una strada in salita, la storia civile...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0