PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mete

Dimmi
da quante lune non abbracci più il sole

da mesi

e
da quanti soli non abbracci più le stelle

da anni

Dimmi
da quanti cieli non abbracci più una persona fino a confondere la tua anima con la sua

da una eternità di giorni

Dimmi
da quanti me non abbracci più te e da quanti te non abbracci più Me


caddi in ginocchio ai suoi piedi e piansi

Mi rialzò il viso
e
con una tenerezza infinita mi mise il suo alluce in bocca da succhiare

la mia lingua divenne un infradito neonato del suo celeste cammino

fra cigni orsi bilance carri scorpioni croci e pesci
vidi
la mia costellazione allinearsi

in sette piccole stelle di una dorsale d'Amore

 

2
1 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 06/03/2015 07:13
    Dimmi... tanto...
    Dimmi... tutto... d'un eterno amore...
    ... d'un sofferto amor!
    LIETA GIORNATA VINCENZO...
  • roberto caterina il 06/03/2015 07:06
    Piccole stelle sulla dorsale d'amore...

1 commenti:

  • cesare righi il 06/03/2015 13:36
    semplicemente universale, dove mai ti porterà questo magico carro?

    ps: magnifica anche la precedente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0