accedi   |   crea nuovo account

Donna immutevole

Donna Immutevole


Esiste una donna immutevole
il cui nome i fauni
rinfrescano alle fonti,
il cui nome è un anemone
di brina sbocciato
dal respiro della notte.

Lei tesse i mantelli
per le spalle più tristi,
le sue dita curano piano
le ferite più rosse,
il suo canto raduna le rondini
dalle varie lontananze.

C'è una donna immutevole
il cui nome è leggero
come un battito d'ala,
il cui nome è il frutto
di un bacio tra vocali e consonanti,
su di esso il sole più vecchio
non osa tramontare.

Negli occhi
acque che si guatano
in vista delle sue sabbie bianche,
nei suoi occhi la spiaggia più estesa
per l'ippogrifo dalle ali d'oro.

C'è una donna immutevole
il cui sguardo rifrange
i pleniluni,
la cui pace si estende
come piena fluviale,
lei circumnaviga l'isola e lo scoglio
con le vele di un sogno ricorrente.

Esiste una donna
le cui parole volano nell'aria
trattenute tra i becchi dei gabbiani,
le cui parole, senza grido nè voce,
raggiungono le orecchie più lontane.

Lei trema dinanzi al silenzio
e teme la morte inattesa,
si prodiga per il passero ferito,
l'arcobaleno ripiega con le mani.

 

1
5 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • ciro giordano il 07/03/2015 11:51
    una donna che mi fa pensare alla Venere di Botticelli, completamente immersa nella natura di cui è l'emblema... davvero una bella lirica
  • Verbena il 07/03/2015 08:05
    Incantevole! Assai bella, armoniosa e ricchissima di figure metaforiche straordinarie. Bravissimo

5 commenti:

  • anna marinelli il 20/03/2015 09:27
    Grazie delle tue parole Fabio, mi sono di incoraggiamento... e tu sei davvero una persona che mi conosce da tempo!
  • Fabio Mancini il 20/03/2015 09:15
    Lo sai che sei la mia autrice preferita? E poi. . . la poesia è raffigurazione, interpretazione, introspezione, illusione, sogno, magia. Fregatene di chi ti dice che sei "troppo a modo" e circoscrive i tuoi versi al puro esercizio estetico. Costoro
    parlano a vanvera, non conoscono il tuo curriculum e si occupano poco di poesia, ma sono esperti di insolenza e di provacazioni. Se magari fossero meno soli e meno invidiosi. . . forse direbbero quello che realmente pensano! Un sorriso gentile, Fabio.
  • Alessandro il 08/03/2015 15:12
    Versi profondi ed eleganti, di natura sempre più rara.
  • mariateresa morry il 07/03/2015 15:01
    A volte essere troppo di maniera porta ad una quasi perfetta costruzione, ma la poesia non è un estremo esercizio estetico. sinceramente sono un poco perplessa.
  • Stanislao Mounlisky il 07/03/2015 08:53
    una bellissima poesia, complimenti... fa pensare all'eterno femminino o forse... alla VITA

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0