username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

In fondo... cosa siamo

con il mio eterno alleato
la panacea dell'uomo

anche di quello eccelso che crede di essere diverso



affianco all'ego
fratello infingardo che mi pone sotto la bestia

riesco a carpire l'eterno
in questa Geenna di mondo

è solo un metodo preso in prestito
che forse ringrazierò di buon grado

o maledirò come la morte che... poi

in fondo... è così bella!

non sono impazzita



sono solo delusa delle solite scene

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 09/03/2015 13:16
    Cosa è Genna? Il passo Genna nella Sila? Sì hai ragione le solite scelte deludono, ma si può essere insoliti e non necessariamente estremi. Ciao...
  • Anonimo il 09/03/2015 10:33
    Io so cosa vuol dire provare amarezza e desiderare di farla finita, ma la morte nascondeva il suo vero volto sotto una apparente bellezza. Non siamo che quello che siamo, vero?
  • ivano51 il 09/03/2015 10:20
    Beh, profonda, diciamo che non la leggerei per convincere un probabile suicida a desistere dal suo gesto. Mamma mia quanto pessimismo, e poi non credo che la morte si possa dire bella, in ogni caso spero di scoprirlo molto tardi, tra moltissimi anni.

12 commenti:

  • Sabrina C. P. il 09/03/2015 18:38
    Ciao a tutti!!
    X Roberto... Avevo scritto un refuso
    Ora avrai capito cos'è la Geenna
    Comunque è la discarica del Monte di Gerusalemme... Perennemente infuocata.. Un posto poco ospitale. Ciao.
  • Tore Martino il 09/03/2015 18:30
    lingualunga te brucia sempre, tu non hai idea di come si fa una disanima di un testo, per te basta dire bello e le solite cavolate di rito sei una vergogna a presentarti ancora vai su oggi scrivo e inguanta li le tue cavolate
  • Anonimo il 09/03/2015 18:19
    Arabesk/ToreMartino sanno scopiazzare dal Web... E'una vergogna!
  • mariateresa morry il 09/03/2015 18:04
    concordo in merito alla delusione delle solite scene...
  • Caterina Russotti il 09/03/2015 16:08
    Già, in fondo cosa siamo... Se non barche alla deriva che cercano di trovare il guado giusto per non finire anche noi nel vortice dell'egoismo. Comprendo l'amarezza e la delusione che leggo in questi profondi versi. Ma tu cara Sabrina lo sai come la penso...
    Cerco sempre di trovare del buono anche nelle cose sbagliate e dopo un momento di accettabile e giusto sconforto, mi tiro su le maniche e provo a vedere come o cosa fare per cambiare ciò che mi fa star male.
  • Tore Martino il 09/03/2015 14:02
    Molto interessante il riferimento alla Panacea, figura della mitologia greca, personificazione della guarigione universale e onnipotente, ottenuta per mezzo delle piante.
    Nel nostro gergo Giuramento d'Ippocrate che ogni medico esegue alla laurea prima di iniziare la professione.
    La chiave di lettura per cui è orientata verso una malattia che devasta l'uomo, in questo emblematico momento subentra la visione della vita e della morte, dove la vita è un vestito preso in prestito e la morte anche se la si maledice perchè tronca questa esistenza dall'altra considerazione offre la liberazione eterna.
    In fondo questo è il nostro passaggio terreno - Namastè -
  • Anonimo il 09/03/2015 14:01
    Non mi ha inserito il nome l'anonimo sono io - Namastè -
  • Anonimo il 09/03/2015 14:01
    Non mi ha inserito il nome l'anonimo sono io - Namastè -
  • Anonimo il 09/03/2015 14:00
    Molto interessante il riferimento alla Panacea, figura della mitologia greca, personificazione della guarigione universale e onnipotente, ottenuta per mezzo delle piante.
    Nel nostro gergo Giuramento d'Ippocrate che ogni medico esegue alla laurea prima di iniziare la professione.
    La chiave di lettura per cui è orientata verso una malattia che devasta l'uomo, in questo emblematico momento subentra la visione della vita e della morte, dove la vita è un vestito preso in prestito e la morte anche se la si maledice perchè tronca questa esistenza dall'altra considerazione offre la liberazione eterna.
    In fondo questo è il nostro passaggio terreno - Namastè -
  • Rocco Michele LETTINI il 09/03/2015 12:57
    LE SOLITE SCENE CHE CON CAMBIANO LA VITA... E ANCORA SOLO... SOLTANTO AMAREZZE... TORMENTI... ANSIE... REALISTICO VERSEGGIO...
  • Sabrina C. P. il 09/03/2015 10:35
    È la tua chiave di lettura, Anonimo xu... Per fortuna... Grazie dell'intervento. Buona giornata.
  • Sabrina C. P. il 09/03/2015 10:27
    Grazie del commento, Ivano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0