username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I più bei Giorni

Sera assetata senza pensiero
senza riserva
m' inoltro a pel di luna
con la nuca baciata di brezza,
in qualcosa che conosco...

... Sul sentiero della luce
spenta dalle fronde del bosco
in qualcosa che assomiglia
a volti e sorrisi noti.

la ruota non era così ampia
da non fare un giro completo
rieccomi
nessuna cellula è la stessa
i miei capelli sono chiari e profumati
ma un tempo erano lucidi e incoscienti...

Adesso sono austeri
racchiusi in una crocchia
una mano ancora
li scompiglierà

Sarà incenso e veleno
e crederò di aver vissuto
ancora ciò che è già stato
nell'illusione di riprodurre
i più bei Giorni

 

l'autore Sabrina C. P. ha riportato queste note sull'opera

Ringrazio Giuseppe Bellanca che mi ha dato una mano con la metrica e la punteggiatura


2
6 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 11/03/2015 07:59
    Sempre dal tuo riflettere messaggi da carpire... Serena giornata Sabry
  • Giuseppe Bellanca il 10/03/2015 16:29
    Bella poesia come ultimamente ci hai abituati, si denota una nostalgia del tempo trascorso, di quel passato che hai vissuto intensamente e nello spirito di chi avanza nell'età nasce il ricordo di quei giorni che non si possono dimenticare "I più bei Giorni"
  • silvia leuzzi il 10/03/2015 12:52
    Sabrina la tua poesia non è mai scontata, questa poi la sento molto, non per niente ho un numero sconfinato di giorni alle mie spalle. Sui capelli cade la neve ma non smettono di odorare di vita, di amore, che forse lo vivremo con l'intensità di chi del gusto ha compreso il sapore, così come scrissi in una mia poesia. Purtroppo la vita è un continuo accumulo di desideri e illusioni fallite, a tal proposito ti cito due versi di Kavafis, che in questo momento è la mia musa, tratti da I desideri o Brame ( qui ogni traduttore ne da la sua interpretazione ) che dice più o meno così:
    "Corpi belli di morti, che vecchiezza non colse:
    li chiusero, con lacrime, in mausolei preziosi,
    con gelsomini ai piedi e al capo rose.
    Tali sono le brame che trascorsero inadempiute,
    senza voluttuose notti,
    senza mattini luminosi."
    Un abbraccio a rileggerci
  • roberto caterina il 10/03/2015 12:42
    Molto bella questa tua composizione di capelli lunari che raggiungono il giusto scompiglio (a propos correggi il refuso alla terzultima riga)nella sera assetata senza pensiero. Anche per me scrivere recensioni non è mai un do ut des: a volte mi diverto, a volte, come in questo caso, mi sembra giusto segnalare che si tratta di uno scritto che mi ha colpito...

6 commenti:

  • Sabrina C. P. il 11/03/2015 08:05
    Poesia che ho rivisitato parecchio... Grazie Rocco. Giorno felice a te.
  • Sabrina C. P. il 10/03/2015 18:59
    Un grazie ci voleva, Giuse
  • Giuseppe Bellanca il 10/03/2015 18:54
    Sabry, non ho fatto niente di speciale, grazie per avermi nominato, ma la poesia era già bella, il contenuto molto profondo e delicato.
  • Sabrina C. P. il 10/03/2015 18:45
    Grazie, Giuseppe Bellanca. Grazie di aver apprezzato le mie parole e di aver migliorato la metrica e la punteggiatura con la tua preziosa collaborazione
  • Sabrina C. P. il 10/03/2015 12:58
    Grazie, Silvia. Ricambio volentieri l'abbraccio
    Bella la tua interpretazione ed i versi
    Stasera li leggerò con calma...
  • Sabrina C. P. il 10/03/2015 12:45
    Grazie... Sono per strada che ammazzo la noia... nella pausa dal lavoro. Un caro saluto, Roberto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0