PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Parchi e giardini

Le foreste della notte nei grandi parchi
maestosi o razionali delle città
invitano la natura a essere
più selvaggia e i cani
fedeli soldati si
immergono in
stagni e
torrenti
nella
gioia infinita di marciare obbedienti.

I giardini dei piccoli borghi
minuti scorci segreti
dove ti raggiunge
la musica o la
preghiera
prima
del
io
so
dopo
l'ultima
ora del giorno
quando il profumo
è più intenso d'ogni dolce
sogno fatto nel bronzo dei ricordi

sono un invito a partire verso il ritmo
che ha la stanchezza di sempre e il calore
di un caffè appena aperto dove le parole
sono ancora liquide.

 

3
1 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Vincenzo Capitanucci il 11/03/2015 11:20
    Le foreste della notte nei grandi parchi
    maestosi o razionali delle città
    invitano la natura a essere
    più selvaggia e i cani
    fedeli soldati si
    immergono in
    stagni e
    torrenti
    nella
    fame infinita di sbranarsi tra di loro.. ero partito in un canto dell'altro mondo.. dove le parole.. sì .. esistono ancora allo stato liquido..
  • Paolo Villani il 11/03/2015 10:19
    Bella la tecnica poetico- grafica, stona un pochino la strofa finale, si poteva concludere con"bronzo dei ricordi". La parte "grafica" di questa lirica è molto bella, mi piace la citazione dei"piccoli borghi"
  • Stanislao Mounlisky il 11/03/2015 10:11
    divertente poesia molto curata anche nell'estetica... vedo zampilli di fontane...
  • Rocco Michele LETTINI il 11/03/2015 09:36
    Una quartina di chiusa memorabile... nel suo prezioso design... Lieta giornata Roberto...

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0