accedi   |   crea nuovo account

Preghiera

Ho rinnegato mia madre,
ho bestemmiato mio padre,
ho bestemmiato Dio,
ho urlato nelle metropolitane di amianto il mio dolore,
ho ceduto a vanitose lusinghe
ho provato a raccontarmi bugie,
ho sfiorato l'abisso.
Ma nessuno ha mai potuto cucirmi la pelle al cuore!

 

0
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Paolo Villani il 12/03/2015 08:43
    Durissima lirica contro sè stessi, una sorta di abbandono all'amarezza dopo l'abbandono, momentaneo credo, dei genitori e di Dio. Nota: la bestemmia è solo contro Dio, contro chiunque altro è imprecazione.

1 commenti:

  • Dina il 12/03/2015 13:32
    Grazie per il commento, io volevo parlare della grande fatica che si fa nella vita per unire l'anima al cuore e al corpo. Non era contro di me me per trovare invece un po di leggerezza nel vivere dopo dure realtà e dopo che mi hanno dato un Dio cattivo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0