PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'infinito altrove

Appena scesa
la sera
non dimenticai la strada
la lieve pioggia
mi sfiorava
il viso

Lentamente
entrai
il fuoco accesso
l'odore
dei libri
i ciondoli
di vetro sonanti
entrarono nel cuore
ricordai infinite
primavere
oramai
trascorse

Questo
fu il mio posto

Ora
appartengo
all'infinito
altrove

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 12/03/2015 16:15
    Intendete la strada dei ricordi? Non è sempre piacevole ricordare.

1 commenti:

  • Alessandro il 12/03/2015 21:24
    Un altrove lontano, indecifrabile per chi sta ancora da questa parte.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0