username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'infinito altrove

Appena scesa
la sera
non dimenticai la strada
la lieve pioggia
mi sfiorava
il viso

Lentamente
entrai
il fuoco accesso
l'odore
dei libri
i ciondoli
di vetro sonanti
entrarono nel cuore
ricordai infinite
primavere
oramai
trascorse

Questo
fu il mio posto

Ora
appartengo
all'infinito
altrove

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Carmine Impagnatiello il 12/03/2015 16:15
    Intendete la strada dei ricordi? Non è sempre piacevole ricordare.

1 commenti:

  • Alessandro il 12/03/2015 21:24
    Un altrove lontano, indecifrabile per chi sta ancora da questa parte.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0