accedi   |   crea nuovo account

La barca

Quando acquistai la barca
avevo deciso di cambiar vita:
le mondane bocche,
le pagine sparse ovunque,
teatro, cinema...
tutta vanità.

Volevo lasciare tutto a terra,
per dedicarmi a lei, che
pur non bella, era mia,
come un frutto generato.

Peccato che, per esser frutto,
era già marcio, nato fallato,
nella stiva invano il legno
rattoppato, spennellato, curato.

C'ho messo tutta me stessa in quella barca,
era mal messa, non era un gioiello,
ma io ero cieca, ostinata, immaginavo crociere
mi sono dovuta arrendere alla procella.

Non ho mai avuto fortuna con i progetti,
mi sono sempre andati stretti.
Mi sono dovuta arrendere al declino
e un giorno sono scesa a capo chino.

L'ho lasciata alla deriva del mare
morendo di dispiacere, sentivo il cigolio
urlare nelle orecchie e mi scapparono
pure diverse lacrimucce.

Non era solo una barca abbandonata
era l'esempio di un'idea fallata,
di una povera illusa ostinata,
che difficilmente nella vita s'è arresa.

 

2
2 commenti     4 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

4 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 14/03/2015 10:32
    è sì è sempre così: carichiamo di significato un oggetto, e quando affonda lo eleggiamo a emblema del nostro fallimento, e questo ci fa piangere, come se avessimo perso un caro o addirittura tutto...
  • vincent corbo il 13/03/2015 11:58
    Che emozione! una poesia vibrante di adrenalina mista a delusione.
  • roberto caterina il 13/03/2015 11:16
    Bella questa barca a metafora della vita... metafora antica basti pensare alla "navicella", alla "piccioletta barca" di tante poesie antiche... ma condivido gli aspetti moderni della manutenzione che si impongono soprattutto e richiedono tempo, soldi e tanta pazienza...
  • Rocco Michele LETTINI il 13/03/2015 10:02
    UNA BARCA PER PRENDERE IL LARGO: NUOVI ORIZZONTI... NUOVA VITA...
    ERA SOLO L'ILLUSO SOGNARE DI UNA DISPERATA... VERSEGGIO DILIGENTE NEL SUO TOCCANTE QUANTO PROFONDO PENSIERO... CIAO SILVIA.

2 commenti:

  • silvia leuzzi il 14/03/2015 19:11
    L'oggetto è un mezzo dolce Fri... un mezzo che usa la poesia per parlare di altre barche, per le quali abbiamo speso tempo, fatica e salute ma che alla fine erano fallate e non avevano speranza. Ti voglio bene dolce bimbo
  • silvia leuzzi il 13/03/2015 17:44
    Oh Vincent sono orgogliosissima di questo tuo commento, come ugualmente onorata lo sono di quello di Roberto e di Rocco. Grazie grazie davvero

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0