accedi   |   crea nuovo account

Mare al mattino

Fratto è il segno,
rotto lo scoglio,
pasticciato il disegno
sporcato d'olio,
quello di cui è impregnato il mare
dove si va a spiaggiare
l'ombra del capodoglio
o forse quell'ombra è un segno
quello fratto su uno scoglio,
l'unghia arrabbiata
di chi non s'è calmata,
eppure era datata!

 

2
3 commenti     3 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

3 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • frivolous b. il 18/03/2015 13:37
    che bello il suono di ognuno di questi versi... e brava la zia poeta!
  • Rocco Michele LETTINI il 16/03/2015 09:00
    TUTTO IL TUO VITALE INTROSPETTIVO IN INTENSI QUANTO SOFFERTI VERSI...
  • roberto caterina il 16/03/2015 07:32
    Che strane queste tue rime Silvia, sembra si infrangano sugli scogli prima ancora di qualcosa che deve ancora venire...

3 commenti:

  • silvia leuzzi il 18/03/2015 22:27
    Grazie dolce nipotino poeta anch'egli
  • silvia leuzzi il 16/03/2015 10:49
    Amici dovete sapere che questa poesia risale a quest'estate mentre sedevo su una specie di scoglio, qui davanti al mare di Ladispoli, una fetta triste di Mediterraneo inquinato. Ieri sera a Presa Diretta il mitico Iacona ci ha fatto vedere come ci stiamo suicidando, uccidendo e massacrando tutto quello che neppure ci è stato donato, ma solo prestato e che l'umanità dalla fine dell'800 a oggi ha distrutto. Qui poi ci vuoi mettere che alla fine ci sono io che sono arrabbiata, depressa e che altro? delusa, delusissima di questa esistenza ma è la solita lagna di una poeta. GRAZIE PER LA VOSTRA STIMA
  • anna marinelli il 16/03/2015 07:56
    Strane ma che lasciano un segno persino sullo scoglio delle nostre coscienze... Brava!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0