accedi   |   crea nuovo account

Tempo acerbo

Notti insonni
alla vigilia di una gita,
quando il nuovo giorno
sembrava una chimera
mentre il pensiero fisso
correva al cuor di lei.

Albe colorate
da strofe e ritornelli di stagione,
e un canto che graffiava
le tonsille, del mio
focoso e lento divenire.

Giornate ardite
riscaldate al fuoco
di un'idea,
guizzanti come
l'acqua d'un ruscello
che smania di sembrare
un fiume in piena.

Peccato solo per quel
tempo frettoloso e acerbo
che mai ebbe la voglia
di fermarsi!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Domiziana Gigliotti il 18/03/2015 10:14
    Il tempo è il nostro nemico, non puoi fermarlo... e si resta in balia dei ricordi che spesso "graffiano" l'anima... Serena giornata
  • roberto caterina il 18/03/2015 05:42
    vigilie senza la voglia di fermarsi...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0