accedi   |   crea nuovo account

L'Opossum

Ogni
pensiero
pur essendomi giardino e sole

mi isola
dalle tempeste provenienti dai mari dell'est

ho radici
d'essere

nell'impensabile
e
nelle froge di un cavallo alato

quando mi videro giungere all'albergo delle ore

mi dissero
ma quanti siete
lei ha prenotato solo per uno?

avevo portato con me
i miei innumerevoli fantasmi
ed
i Tuoi trasognanti amori

non volevo che facessimo in uno spazio troppo stretto e luminoso la fine di un Opossum

sfrattato
dalla gestazione delle sue ombre
e
piallato
nei suoi cuccioli marsupiali

 

l'autore Vincenzo Capitanucci ha riportato queste note sull'opera

... mar-su-pio...


1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Rocco Michele LETTINI il 20/03/2015 06:13
    Dall'impensabile e nelle froge di un cavallo alato l'indiscutibile incanto poetico che cattura nella magia dei suoi versi Lieta giornata Vincè

1 commenti:

  • Fabio Mancini il 20/03/2015 08:37
    Spazi tra la passione, la voglia di libertà e la consapevolezza della tua forza. Una meraviglia! Ciao, Fabio.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0